Stampa
Visite: 808

Comunicato stampa del 19 ottobre 2015

In questi giorni il Sindaco dimissionato decide la pedonalizzazione dei Fori, con esclusione anche del transito degli autobus. Non possiamo che plaudire alla stupenda visione dei Fori e del Colosseo non circondati e offuscati da veicoli di tutti i tipi; perciò chiediamo che sia sostenuta da una adeguata pianificazione del periodo di transizione, dalla decisione al consolidamento della chiusura.
Problemi conseguenti a scelte di questa portata debbono essere risolti in modo eccellente per assicurare al progetto qualità e consenso all’altezza di questa bellissima prospettiva. Occorre assolutamente evitare che, per fretta e insufficiente ponderazione delle conseguenze, si determini una situazione confusa con complicazioni che si autoalimentano rendendo impossibile la loro soluzione, fino a diventare la causa dell’abbandono del progetto e forse dell’idea stessa della pedonalizzazione dei Fori. Il rischio di arrivare a conclusioni opposte a quelle nobili che ci si è prefissato di raggiungere è assolutamente da scongiurare.

E’ vitale l’impegno per impedire che resti un intervento slegato dalla messa a punto dell’intera mobilità, urbana e turistica, che gravita in quell’area, riprogettando le infrastrutture necessarie, con particolare attenzione alle funzioni delle metro B e C. Oltre alla riorganizzazione oculata del trasporto pubblico di superficie. E’ intuitivo che la pedonalizzazione dei Fori concorre obbligatoriamente ad escluderne l’attraversamento da parte della linea C e a deciderne, invece, il terminal al Circo Massimo ( con collegamenti con il Tram 8 verso Trastevere, prolungabile verso Marconi, e con il Nodo Ostiense , da cui potrebbe partire un nuovo Tram verso il Lungotevere di sinistra fino a Ponte Milvio servendo tutto il centro storico). Infatti la stazione C al Colosseo mal si concilia, per l’assenza di autobus , a essere il nodo di scambio in grado di servire i passeggeri delle metro B e C, tenuto conto della situazione già al collasso e del surplus di affluenza dal settore sud est della città. Meglio si prestano le stazioni Circo Massimo e Piramide con un conseguente loro potenziamento a nodi di scambio e con la riorganizzazione del sistema a rete intermodale che coinvolge il Lungotevere.
E’evidente, poi, l’importanza dell’attestamento dei bus turistici ai terminal delle metro e alle stazioni ferroviarie esterne al Gra, liberando il centro storico con una maggiore efficacia di quel che potrà realizzarsi solo aumentando le tariffe d’ingresso.
Occorre insomma che la pedonalizzazione dei Fori sia la chiave di volta di un programma complessivo di alto profilo, e che la sua realizzazione indichi da subito la direzione e la meta cui giungere.

C.A.L.M.A. Coordinamento Associazioni Lazio Mobilità Alternativa
Associazione Progetto CELIO
Forum Salviamo il Paesaggio Roma e Lazio

Info: Bruno Ceccarelli 3477864696, Vittorio Sartogo 3397520737, Paolo Gelsomini 3293791374 Cristiana Mancinelli Scotti 3394388388

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa.